Bentoniti

bentonite enologica                          bentonite enologica

La Bentonite

Utilizzata in enologia come chiarificante, è un’argilla montmorillonitica con spiccate caratteristiche colloidali. La sua qualità fondamentale è quella di rigonfiare in acqua fino ad occupare un volume parecchie volte superiore a quello del materiale secco e di dare luogo alla formazione di gel tixotropici anche con rapporti bentonite-acqua molto bassi. La bentonite è originata dall’alterazione di ceneri vulcaniche: si tratta infatti di una devetrificazione in ambiente acquoso con allontanamento di una parte di silice seguita dalla cristallizzazione della montmorillonite la cui composizione chimica dipende da quella dell’acqua nella quale le ceneri vulcaniche sono cadute. 

Le bentoniti impiegate in enologia possono essere divise in tre gruppi: 

Bentoniti sodiche naturali:  

Ad alto tasso di rigonfiamento e molto attive.  

Bentoniti calciche naturali:

Mediamente attive, rigonfiano poco e producono un deposito compatto.

Bentoniti attivate: 

La cui efficacia e il rigonfiamento dipendono dal tasso di attivazione.